BLOG gratuito - REGISTRATI!





stop loss forex
stop loss forex

Gli stop loss

A differenza del mercato azionario, il forex ha un ottimo e grande effetto leva. La conseguenza di questa particolarità è la fondamentale necessità di usare uno stop loss efficace per proteggere le proprie posizioni, dato che bisogna proteggersi il più possibile dal rischio di perdita. Questo è vero almeno per la maggior parte dei singoli investitori. Grazie al potenziale del forex legato alla leva finanziaria i guadagni possono essere enormi, ma d'altra parte anche i rischi da cui guardarsi. Per proteggersi da tali rischi occorre usare degli strumenti “ad hoc” come gli stop loss.

Essi ci proteggono dalle perdite eccessive tagliandole arrivati ad un certo punto. Ad esempio, si apre una posizione e si imposta uno stop loss a 20 pips, il che significa che quando la perdita sarà arrivata a tale valore, la posizione viene chiusa in maniera automatica.

Tanti trader non amano gli stop loss perché equivalgono a prendere in considerazione l'idea di perdere, una cosa che non sta proprio in mente. Non usare gli stop loss, invece, aumenta i rischi di perdere denaro, perché il conteggio finale (ovvero se si è profittevoli o meno nel forex) si fa alla fine, sul medio / lungo periodo, non su una singola posizione. Lo stop loss ci aiuta a fermarci nel caso in cui una posizione è errata e ci dà l'opportunità di entrare nel mercato in maniera opposta e quella che avevamo previsto, al fine di recuperare la perdita (prima) e di avere un guadagno netto (poi).

Sicuramente l'impostazione dello stop loss è una cosa che tutti dovrebbero prendere in considerazione, dai trader principianti fino ai professionisti, e non ci si può esimere. Non c'è un livello predefinito di stop loss, poiché dipende dalla volatilità attuale del mercato e da come si vuole rischiare, per cui ogni trader dovrebbe riuscire a trovare il livello di stop loss giusto per se.


BLOG gratuito - REGISTRATI!