BLOG gratuito - REGISTRATI!





attivare una campagna Google Adwords
attivare una campagna Google Adwords

Cinque buoni motivi per attivare una campagna Google Adwords

Come promesso torno a parlare di me, delle difficoltà incontrate per attivare una campagna pubblicitaria “fai da te” utilizzando Google AdWordsdei successi e degli insuccessi ottenutidei pregi e dei difetti del programma. 

Nel negozio di abbigliamento per bambini dove vendo pezzi unici realizzati a mano con fibre naturali utilizzando ferri da maglia ed uncinetto, ogni giorno incontro persone che immediatamente s’innamorano di qualche articolo in esposizione, lo acquistano ed escono dal locale soddisfatte e sorridenti portando con sé uno o più pacchetti in confezione regalo, curati anch’essi nei minimi dettagli, com’è consuetudine del brand.

Con buona probabilità, nonostante gli innumerevoli errori commessi nel corso delle campagne pubblicitarie dirette personalmente per promuovere la mia attività commerciale, sono riuscita a conquistare la simpatia e il consenso degli utenti della rete, che hanno voluto premiare il mio impegno e la mia dedizione.

Sembra che sia riuscita nell’intento di  costituire il mio pubblico target, anche se, ne sono più che certa, negli articoli tecnici a tema Marketing Digitale ho scritto molte inesattezze,ingenerando confusione.

Gli interventi  in cui ho azzardato parlare di SEO e di SEM, di differenze tra Google AdWords e Facebook Ads avranno fatto inorridire i SEO specialist e i SEM specialist, e quanti operatori di Web Marketing  abbiano avuto la ventura d’imbattervisi. A questi professionisti mi rivolgo affinché gentilmente intervengano per portare infine chiarezza sull'argomento, e pazienza nei riguardi dell'autodidatta maldestra, curiosa e desiderosa d’imparare, che persiste immeritevolmente ad occuparsi di tecnologia informatica.

Cinque buoni motivi per attivare una campagna Google AdWords

Nel Marketing Digitale come del resto avviene in ogni settore lavorativo la professionalità risulta essere il primo requisito richiesto, quindi invito i lettori a non imitare il mio comportamento avventato ma a rivolgersi sempre ad agenzie AdWords Specialist prima di attivare una“pay per click”.

La Consulenza Google AdWords è essenziale per un corretto e proficuo utilizzo del programma.

L’argomento che mi preme affrontare in questo articolo riguarda i motivi, ovviamente positivi, per cui gli utenti di internet dovrebbero diventare inserzionisti di GoogleAdWords.  Le opinioni a proposito, postate dagli esperti nei blogger scialistici, divergono in modo sostanziale. Qualcuno sostiene che non vi siano motivi validi per aderire al programma e per attivare una campagna Google AdWords, altri invece sostengono che esistano ben più di dieci motivi validi per farlo. Di seguito mi limiterò ad enunciarne cinque, che a mio parere sono i più convincenti per trasformare le visite degli internauti in conversioni al programma di Google.

Prima di avventurarmi nella trattazione tecnica confermo quanto sopra dichiarato e sollecito l’intervento urgente degli esperti nel caso dovessi incorrere in qualche clamoroso errore. Ringrazio e procedo affermando che per tutti i commercianti possessori di siti web è conveniente aderire a Google AdWords in quanto  il programma dedicato alla realizzazione di campagne pubblicitarie, offre ottimi strumenti validi per:

  1. tenere sotto controllo anche le chiavi di accesso gratuite tramite il not provided.Nel 2011 i Google Analytics di tutti i siti del mondo presentarono la dicitura not provided, tradotto in italiano “non fornito”, scambiata inizialmente per una keyword di ricerca, ma che in realtà è un messaggio di Google. Significa che il browser, dopo l’istituzione delle SERP personalizzate, per garantire la privacy degli utenti loggati non può fornire la parola digitata. In AdWords tuttavia è possibile controllare il traffico del sito e il comportamento delle query tramite la dimensione “a pagamento e organici”avendo così sia la misura delle “parole chiave organiche” che delle “parole chiave a pagamento”.
  2.  fare Remarketing
  3.  utilizzare YouTube di cui Google è proprietario ed usufruire delle enormi potenzialità che offrono  i video per veicolare annunci pubblicitari
  4. automatizzare i processi di ottimizzazione del proprio account e del sito web
  5.  avere costantemente il controllo della spese e del ROAS ottenuto

BLOG gratuito - REGISTRATI!