BLOG gratuito - REGISTRATI!





Allenare i pettorali a casa
Allenare i pettorali a casa

Allenare i pettorali a casa

Per tutte le persone che desiderano avere un fisico asciutto e che non hanno il tempo per andare in palestra o non vogliono spendere soldi per l'abbonamento in palestra, è bene sapere, che grazie a semplici esercizi, è possibile fare un costante allenamento dei pettorali anche a casa ed ottenere ottimi risultati. Questi esercizi sono molto indicati per le donne che vogliono avere un ottimo decoltè, le quali possono eseguire dei semplici esercizi casalinghi senza l'ausilio di particolari attrezzature.

Ovviamente, agli uomini, si suggeriscono esercizi più intensi, e per chi desidera (uomini e donne) ottenere pettorali d'acciaio è bene non darsi per vinti ed essere costanti con l'allenamento tutti i giorni. Per agire sui pettorali esistono principalmente due tipi di esercizi: le distensioni, in cui ci si sdraia supini su una panca e si spinge il carico verso l'alto, e le croci, in cui nella medesima posizione si portano le braccia dall'esterno verso l'interno, mantenendo il gomito leggermente piegato durante tutto il movimento.

Questi esercizi servono anche per riuscire ad ottenere uno sviluppo ottimale del petto. Diciamo che anche la fantasia aiuta nello sviluppo dei pettorali, i piegamenti sulle braccia, ad esempio, sono sempre un ottimo esercizio, come esercizi per pettorali d'acciaio l'esercizio con mani e piedi sopra due rialzi, o modificando lo stesso esercizio con l'ausilio di una palla svizzera.

Allenamento pettorali per il bodybuilding

Per esercizi professionali per i cultori del bodybuilding, l'allenamento prevede una serie di esercizi croci con manubri. Si tratta di un esercizio simile a quello della panca, ed il pettorale lavora in questo modo:

  • lavora nel suo range anatomico completo;
  • lavora con una tensione di carico costante su tutto l'arco del movimento;
  • si eliminano le problematiche che sono legate a torace piatto e spalle anteriorizzate;
  • si lavora con un movimento esplosivo nella fase positiva per evitare di sollevarsi a fatica e con difficoltà;
  • viene utilizzato il riflesso miotattico;
  • si sfrutta un solo arto alla volta, per una migliore attivazione dei recettori muscolari con contrazione più profonda;
  • si lavora con un movimento rallentato nella fase negativa per non far cadere il peso al suolo e perdere così la forza;
  • si lavora con un carico pesante corrispondere al proprio peso corporeo;
  • utilizzando un carico maggiormente pesante si arriva ad aumentare l'altezza del rialzo;
  • con un carico ancora più pesante pesante è possibile porre i piedi anch'essi su un rialzo.

Si tratta di un esercizio dove prevale la funzionalità-biomeccanica, quindi per tutti coloro che già sono esperti dell'allenamento.


BLOG gratuito - REGISTRATI!