BLOG gratuito - REGISTRATI!





Vestire i bambini
Vestire i bambini

Vestire i bambini acquistando negli outlet

Ormai è certo. Vista la crisi che, purtroppo, tocca sempre un numero crescente di famiglie, avere figli è molto più costoso oggi di quanto non lo fosse un tempo. Forse oggi siamo più esigenti, più spreconi… Forse un tempo si badava meno a come ci si vestiva o quanto spesso ci si cambiava d’abito. I giocattoli erano molti meno e duravano più a lungo. Purtroppo oggi non è più così e crescere un figlio è indiscutibilmente una spesa.

Fortunatamente, con un minimo di accortezza, si può acquistare, soprattutto  vestiario e le calzature, risparmiando parecchio denaro. È sufficiente orientare le proprie spese negli outlet o negli spacci aziendali. Si tratta di punti vendita che propongono alla loro clientela rimanenze dell’anno precedente o capi con piccoli difetti di fabbrica che non possono più essere venduti a prezzo pieno e che quindi vengono proposti con sconti attorno al 50% ma che spesso possono superare l’80%.

Ormai il fenomeno degli outlet è in rapida crescita ma, per esperienza, so che molti non lo conoscono o sono restii a rivolgersi a questi punti vendita.  Ormai da anni compro tutto quasi esclusivamente negli outlet e vorrei quindi sfatare alcuni miti:

Mito numero 1: Gli outlet sono buchi che propongono solo merce fallata, privi di assistenza o di un commesso in grado di aiutarti. Falso. Gli outlet e gli spacci aziendali si stanno sempre più spesso e sempre più rapidamente organizzando. Sono sempre più frequenti i cosiddetti Outlet Village che, in uno spazio commerciale accogliente vagamente assomigliante ad un paese,  raccolgono centinaia di spacci aziendali anche delle marche più prestigiose.

Mito numero 2: Negli outlet non si trova mai niente. Non c’è mai la taglia o il colore che cerco. Falso. Le grandi case di moda hanno ormai da qualche hanno, per così dire, “fiutato l’affare” e producono capi da dedicare esclusivamente ai propri spacci aziendali. Lo sconto viene mantenuto perché si riducono gli intermediari ma la merce è di prima qualità e per tutte le esigenze.

Mito numero 3: Gli outlet nascondono merce fallata in mezzo a quella buona… non sai mai cosa ti porti a casa. Falso. Sebbene gli outlet abbiano la facoltà di vendere anche merce difettosa, sono obbligati per legge ad indicarla chiaramente (solitamente vengono apposti dei bollini di diverso colore in base al tipo di difetto). Va detto che questo tipo di merce viene sempre esposta in zone separate dal resto.

Mito numero 4: Negli outlet non trovi le grandi griffe… figurati se Armani o Dolce & Gabbana si permettono di vendere i propri prodotti negli outlet. Falso. Certo le grandi marche mantengono i prezzi più alti ma provate ad andare, ad esempio, al Noventa Outlet Village. Troverete spacci aziendali anche di Versace, Armani, Pal Zileri, Dolce e Gabbana, Prada, solo per citarne alcuni.

Mito numero 5: Gli outlet non hanno nulla per bambini e per l’infanzia: Falso. I prodotti per bimbi e per l’infanzia in genere sono un businness per le aziende. Molte aziende (ad esempio Brums) stanno investendo parecchio negli outlet e praticamente tutti gli outlet village propongono diversi punti vendita dedicati a prodotti per i bimbi. Qualche esempio di outlet che tratta prodotti per i bambini può essere trovato qui.

Mi permetto di aggiungere che, oltre al risparmio, gli outlet village (o comunque gli outlet più grandi) propongono anche parchi giochi, attrazioni, caffetterie e tutto quello che possa essere comodo per passare un pomeriggio con la famiglia.


BLOG gratuito - REGISTRATI!