BLOG gratuito - REGISTRATI!





Cucina Denise - Cucina moderna Arrex
Cucina Denise - Cucina moderna Arrex

La cucina su misura per te? Sceglila in 4 passi!

La cucina è l’ambiente più difficile da arredare di tutta la casa. Deve esserci tutto, possibilmente a portata di mano e, spesso, nel minor spazio possibile. Una buona cucina dovrebbe essere bella da vedere e facile da usare. Trovare il giusto compromesso fra estetica e funzionalità non è sempre facile. Bastano però poche accortezze per avvicinarsi alla soluzione ideale. Vediamole insieme.

1. Le misure

Magari riesci a trovare la cucina che hai sempre sognato. Perfetta, del colore che vuoi tu, super accessoriata, in offerta e in pronta consegna. Ma hai verificato le misure? Quello delle misure deve essere sempre il primo passo. Prendi metro, carta e matita e disegna una piantina in scala dettagliata dell’ambiente da arredare. Segna con precisione tutto, dalla metratura della stanza alla presenza di porte e finestre, la disposizione delle prese di corrente e degli attacchi di acqua e gas.

2. I materiali

In legno, in acciaio, in marmo, laminata o in vetro? Scelta difficile. L’occhio vuole sempre la sua parte, anche in cucina. Tuttavia, considera anche la pulizia necessaria per far splendere le superfici. Se vuoi una cucina destinata a durare nel tempo, scegli l’acciaio o il legno. L’acciaio è più semplice da pulire rispetto al legno e più difficile da graffiare o rovinare. Il legno conferisce più calore all’ambiente - il tocco personale non guasta mai. Fra le superfici più semplici da pulire c’è pure il vetro: non richiede detergenti particolari ed è piuttosto resistente, a patto che sia stato temperato. Decisamene chic il piano in marmo. Tuttavia, questo materiale richiede un’attenzione maniacale: la sua superficie porosa trattiene macchie e sporco, destinati a restare se non eliminati in brevissimo tempo. Infine il laminato, che è sì poco resistente al calore ma pure difficile da rovinare con detergenti, detersivi e liquidi vari.

3. La comodità

Proprio così, la cucina giusta deve essere comoda, funzionale. Fra sedie, fornelli, pentole e stoviglie devi muoverti senza impacci o inutili ostacoli. Fondamentale è l’altezza del piano di lavoro, che deve essere calibrata secondo la tua statura: un piano troppo alto o troppo basso nuoce alla schiena, specie se prevedi di trascorrere in cucina qualche ora al giorno. Lo stesso discorso vale per i pensili e, in generale, per ogni elemento disposto in verticale. In senso orizzontale, la cucina dovrebbe assicurarti tutto lo spazio per muoverti in piena libertà. Per esempio, fra piano di lavoro e tavolo dovresti avere almeno un margine di 80-90 centimetri, così come fra cassetti (aperti) e forno (o frigorifero).

4. L’acquisto

Una volta stabilite misure, spazi e materiali, è il momento di chiedere qualche preventivo. Per trovare dei punti vendita specializzati nei dintorni di casa tua puoi affidarti a Internet. Puoi scrivere su Google “cucine” + “nome della tua città” + “vendita”, per esempio cucine parma vendita, per trovare un elenco esauriente di artigiani e showroom. Il preventivo deve essere redatto nero su bianco e firmato dal venditore e dall’acquirente. Il documento dovrebbe essere il più possibile dettagliato: costi di ogni componente, eventuali spese per la progettazione, per la consegna e per il montaggio. Ricordati di chiedere sempre la durata della garanzia: in tutta l’Unione Europea, la garanzia non può essere mai inferiore ai due anni. Spesso, tuttavia, il venditore propone un’estensione della garanzia, che, in ogni caso, non sostituisce quella prevista per legge.


BLOG gratuito - REGISTRATI!